RIMINIMADE

Innovazione e tradizione insieme per un nuovo concept di bellezza intesa non solo in senso estetico ma anche etico.

New Guardaroba....tra originalità e passione !

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Quando l’autunno è ormai conclamato e anche le più accanite "barefood addict" come me si sono arrese allo stivale.
Quando ormai il trascinato cambio degli armadi ti ha ancora una volta stremata e fatto dire:”ma che diavolo mettevo l’inverno scorso dato che non ho nulla di decente?!”.
Quando insomma la condanna al grigiore, al collant e alla sciarpa non lasciano scampo, ecco che iniziano ad accendersi le luci di Natale...

Mamma mia quanta gente sostiene di odiare il Natale, è incredibile! Mah, io non ci credo fino in fondo a questa cosa ma qui non è argomento.
Direi piuttosto che verso Natale, ti piaccia o no, la città inizia a scaldarsi e anche passeggiare nell’umidità ha un suo fascino. 


La gente è più loquace, dimentica che la prossima primavera è ancora lontana e si ferma per strada indossando il cappotto buono e scambiando brindisi con uno strano “sfrigolìo” nell'aria.
Dai, è inutile, tutti abbiamo bisogno di un pò di calore umano, di luce e di colori e anche i più refrattari prima o poi a dicembre cedono e senza ammetterlo godono dell’atmosfera.

E’ in questo periodo che il borgo San Giuliano, nel cuore di Rimini, diventa ancora più affascinante.
Camminare tra le sue viuzze, con i lampioncini accesi, spiando il quotidiano dalle finestre e annusando i profumi delle cene. Sentire gli scuri che si chiudono per proteggere l’intimità o scorgere anziane signore che vanno in visita dalla vicina con un pò di cibo in un tegame.
I suoi locali diversi uno dall’altro che accontentano ogni tipo di richiesta che sia mangereccia o bevereccia perchè siamo pur sempre in Romagna.

E’ tra queste vie e in una di queste piazzette, che tra persone infreddolite ma con il piacere di scambiare chiacchiere con un bicchiere in mano, scorgi la vetrina di NEW GUARDA ROBA.
Se ti accade per la prima volta forse non capisci nemmeno subito che si tratta di un negozio, visto l’insolito orario di apertura….. e dato che all’esterno c’è sempre qualcuno che parla o scherza.
Se ti accade per la prima volta forse sarai anche un pò intimidito dall’entrare se sei tra quelli che ancora pensa:”mi vergogno perchè non conosco nessuno”, perchè il clima è talmente famigliare che sembra tutti siano amici.

Invece è proprio il luogo nel quale entrare subito e lì ti coglierà lo stupore.
In un ambiente accogliente e informale vedi subito l’originalità e senti la passione.
E’ il negozio che in Italia non ti aspetti, con un approccio completamente diverso, FINALMENTE diverso.
Abbigliamento e accessori sì, ma soprattutto una proposta di stile, senza imposizioni ma con un’idea ben chiara:” Il tuo stile te lo crei tu!”.

Basta seguire i gusti di altri, basta con il “cosa va quest’anno”, oggi è tempo di libertà, di esprimere se stessi di non seguire regole ma la propria fantasia.
Qui tra donne che amano l’artigianalità puoi trovare idee finalmente originali per creare il tuo outfit, qualsiasi siano le tue abitudini, i tuoi gusti e la tua taglia.

Se poi ti lascerai un pò andare e ti farai consigliare potresti scoprire parti di te che non conoscevi e iniziare l’entusiasmante cammino verso nuovi modi di vestire, di vederti e soprattutto di sentirti.
Ogni capo in edizione limitata, ogni capo personalizzabile in forma, taglia e colore, ogni capo realizzato con tessuti e pellami frutto di ricerca, ogni capo uscito dalle mani di artigiani che lo hanno creato dal taglio al confezionamento.

Forse è poco? A me sembra fantastico!
In un mondo omologato nel quale spesso sono costretta ad indossare abiti cuciti chissà dove sfruttando chissà chi, finalmente il piacere di un “progetto” realizzato per me, il mio corpo e il mio stile.
Finalmente il non dovermi adattare ma qualcuno che realizza ciò che desidero. Ma è un sogno?!

NEW GUARDA ROBA è la stanza dei balocchi di ogni donna che vuole ancora un pò giocare (e dove ogni donna può scegliere cosa suggerire a Babbo Natale...).

Poi si torna in piazzetta, nell’umidità, tra le voci ridanciane, tra le battute in romagnolo e un bicchiere di vino e il fatto che sia inverno non è poi cosi male.


Giovanna Fantini

Tags: Borgo San Giuliano

StampaEmail